MAI SENTITO PARLARE DI EPIGENETICA?

L’epigenetica è lo studio dei cambiamenti ereditabili nell’espressione genica che non implicano cambiamenti nella sequenza del DNA sottostante un cambiamento nel fenotipo senza un cambiamento nel genotipo, che a sua volta influenza il modo in cui le cellule leggono i geni.

Il cambiamento epigenetico è un evento normale e naturale ma può anche essere influenzato da diversi fattori, tra cui età, ambiente / stile di vita e stato patologico.                                            Le modificazioni epigenetiche possono manifestarsi comunemente nel modo in cui le cellule si differenziano per diventare cellule della pelle, cellule del fegato, cellule cerebrali, ecc.     Oppure, i cambiamenti epigenetici possono avere effetti più dannosi che possono provocare malattie come il cancro.

Nuove ricerche stanno continuamente rivelando il ruolo dell’epigenetica in una varietà di disturbi umani e malattie mortali.

L’evoluzione del panorama della ricerca epigenetica: una breve storia.

Il termine epigenetica, che è stato coniato da Waddington nel 1942, deriva dalla parola greca “epigenesi” che originariamente descriveva l’influenza dei processi genetici sullo sviluppo. 

Attualmente, la metilazione del DNA, una delle modificazioni epigenetiche più ampiamente studiate e ben caratterizzate, risale agli studi condotti da Griffith e Mahler nel 1969.  Altre importanti modifiche includono il rimodellamento della cromatina, modifiche dell’istone e meccanismi di RNA non codificante.

Il rinnovato interesse per l’epigenetica ha portato a nuove scoperte sulla relazione tra i cambiamenti epigenetici e una serie di disturbi tra cui vari tumori, disturbi associati a ritardo mentale, disordini immunitari, disturbi neuropsichiatrici e disturbi pediatrici.

Epigenetica e ambiente: come lo stile di vita può influenzare il cambiamento epigenetico da una generazione all’altra.

Il campo dell’epigenetica sta crescendo rapidamente e con esso la comprensione che sia l’ambiente che lo stile di vita individuale possono anche interagire direttamente con il genoma per influenzare il cambiamento epigenetico. Questi cambiamenti possono riflettersi in varie fasi della vita di una persona e anche nelle generazioni successive.         Ad esempio, studi epidemiologici umani hanno dimostrato che i fattori ambientali prenatali e precoci postnatali influenzano il rischio degli adulti di sviluppare varie malattie croniche e disturbi del comportamento.           

La ricerca ha anche dimostrato che l’esposizione di una madre all’inquinamento potrebbe avere un impatto sulla suscettibilità all’asma del bambino e l’assunzione di vitamina D potrebbe modificare la metilazione del DNA che influenza il funzionamento della placenta.  La capacità mentale di un bambino potrebbe essere influenzata in modo epigenetico dalla dieta del padre.

In che modo lo stile di vita può influire sull’epigenetica e sulla salute.

Sta diventando sempre più evidente che gli effetti epigenetici si verificano non solo nell’utero, ma durante l’intero corso della vita umana. Sono pertanto considerati dinamici e modificabili dalle scelte di stile di vita e dall’influenza ambientale, svolgendo un ruolo nel determinare cambiamenti della salute.

L’ambiente ha un importante ruolo nell’influenzare l’epigenetica e la suscettibilità alla malattia. L’inquinamento è diventato un punto di riferimento significativo in questa area di ricerca poiché gli scienziati stanno scoprendo che l’inquinamento atmosferico potrebbe alterare i marcatori metilici sul DNA, aumentando il rischio per le malattie neurodegenerative. È interessante notare che le vitamine del gruppo B possono proteggere dagli effetti epigenetici dannosi dell’inquinamento.

 
Epigenetica del cibo.

È stato anche dimostrato che la dieta modifica l’epigenetica in modi significativi. Il campo della nutriepigenomica esplora il modo in cui cibo ed epigenetica interagiscono per influenzare la salute e il benessere.  Alcuni studi hanno evidenziato che alcuni composti all’interno degli alimenti che consumiamo potrebbero proteggerci dal cancro regolando i segni metilici su oncogeni o geni oncosoppressori.

I ricercatori hanno anche scoperto che una dieta chetogenica – che consuma elevate quantità di grassi, aumenta un agente epigenetico prodotto naturalmente dall’organismo.

In definitiva, una dieta epigenetica può guidare le persone verso un regime alimentare ottimale in quanto gli studi scientifici rivelano i meccanismi sottostanti e l’impatto che i diversi alimenti hanno sull’epigenoma e sulla salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *